Sebbene la maggior parte delle persone abbia sentito parlare di attacchi di panico, chi non ne ha mai avuto uno fatica a capire quanto sia spaventoso. Avere attacchi di panico non è di per sé dannoso, ma sperimentare questo tipo di ansia può aumentare il rischio di: malattie cardiache, cancro, disturbi allo stomaco, obesità, problemi respiratori, indebolimento del sistema immunitario, restringimento di una particolare area del cervello, diminuzione della capacità di concentrazione, problemi di memoria, irritabilità, danni alle relazioni sociali.

Attacco d'ansia

Pertanto, è indispensabile imparare a controllare ed eliminare gli attacchi d'ansia. Un passo importante per eliminare gli attacchi di panico è riconoscere come e quando si respira troppo. Provate a prendervi quando iniziate a respirare più velocemente. Dovreste anche porvi queste domande: Respiro troppo rapidamente? Respiro profondamente? Sbadiglio rispetto agli altri (uno sbadiglio eccessivo può essere indice di iperventilazione)? Se si inizia a respirare troppo, è importante non reagire in modo eccessivo all'iperventilazione.

Quando si avvertono i sintomi dell'iperventilazione, ricordarsi che può essere spiacevole e sgradevole, ma non è pericoloso. Se si esegue l'esercizio di respirazione lenta descritto di seguito quando si inizia a respirare eccessivamente, i sintomi dovrebbero attenuarsi entro un minuto o due.

Cosa fare?

Interrompete quello che state facendo e iniziate a concentrarvi sul vostro respiro. 2. Iniziate a inspirare ed espirare dal naso. Fatelo gradualmente, in un ciclo di 6 minuti. Inspirate per tre secondi ed espirate per tre secondi. Mentre eseguite il ciclo di respirazione di 6 minuti, ripetete a voi stessi la parola "relax" ogni volta che espirate. È importante respirare con il diaframma, non con il petto.

 Continuare l'esercizio di respirazione lenta prima che i segni di iperventilazione siano scomparsi. Quando iniziate ad avvertire i sintomi dell'iperventilazione, provate a respirare in un sacchetto di carta. Una respirazione eccessiva fa diminuire l'anidride carbonica nel sangue e quindi peggiora la situazione. Respirando in un sacchetto di carta si aumenta l'anidride carbonica nel sangue, per cui è necessario iniziare immediatamente a sentirsi meglio. Evitare luoghi o situazioni che si pensa possano scatenare un attacco di panico può causare un altro disturbo d'ansia chiamato agorafobia.

L'agorafobia è caratterizzata dalla paura di scenari in cui la vittima percepisce un ambiente pericoloso o scomodo. Le persone affette da agorafobia spesso si limitano a "zone sicure". Per questo motivo sono costrette a vivere in casa e talvolta sono limitate a una stanza specifica della loro abitazione.